LIBRE II Study

Un gruppo di ricerca, guidato dal prof. Marion Kiechle, stá lavorando ad una ricerca denominata LIBRE-Study. Lo studio è supportato dalla Waltraut Bergmann Foundation e dalla Deutsche Krebshilfe. Scopo della ricerca è quello di investigare l´impatto della dieta e dell´attivitá fisica sullo sviluppo del tumore al seno e sulla sua recidiva in pazienti con una mutazione dei geni BRCA1 e BRCA2.

A questo scopo i biomarcatori pro-Neurotensin e Pro-Enkephalin saranno misurati per provare il loro potenziale d´uso nella stratificazione del rischio e nel follow-up del paziente.

La prima fase dello studio, riguardante la fattibilitá degli interventi sopramenzionati, è stata completata con successo. Il LIBRE-study è entrato quindi nella sua seconda fase, che comprende una popolazione di studio piú vasta.

LIBRE Study

Lo studio ha l´obiettivo di descrivere il potenziale d´uso dei biomarcatori  pro-Neurotensin e pro-Enkephalin in persone con mutazioni dei geni BRCA1 o BRCA2 (ad alto rischio quindi di sviluppare tumori al seno o alle ovaie, rispettivamente un rischio dell´80% o del 40%) nella stratificazione del rischio e nel follow-up del paziente. Lo studio si pone come obiettivo quello di descrivere l´impatto della dieta e dell´attivitá fisica su queste persone.

Background: Le donne che hanno una predisposizione ereditaria (mutazione germinale del gene BRCA1 o BRCA2) hanno un alto rischio durante la loro vita di sviluppare un tumore al seno o alle ovaie (rispettivamente 80% e 40%). Nonostante ció, non tutte queste donne sviluppano uno di questi tumori. Questo fatto fornisce un´indicazione che altri fattori potrebbero influenzare l´insorgere o meno di queste patologie. Osservazioni iniziali mostrano come una percentuale minore di donne sia diventata affetta da un tumore se le stesse avevano fatto attivitá fisica in giovane etá.

Tumore al seno e attivitá fisica: In tumori al seno non ereditari il rischio di cancro, cosí come la gravitá della malattia, è fortemente influenzata dalla dieta e dall´indice di massa corporea. Molti studi prospettici dimostrano che l´attivitá fisica su base regolare è in grado di ridurre la possibilitá di sviluppare un cancro al seno del 25%. Inoltre la recidiva, cosi come la mortalitá del cancro al seno, è ridotta del 50%. Altri vantaggi sono stati riscontrati nella migliore qualitá di vita e nella migliore tolleranza alla chemioterapia.

Tumore al seno e dieta: La dieta puó influenzare fortemente lo sviluppo del cancro al seno. Adipositá e peso influiscono fortemente in maniera negativa sul rischio di sviluppare un cancro al seno pre e post-menopausa. Se si prendono piú di 20 chili dopo aver compiuto 18 anni il rischio di sviluppare un cancro al seno duplica. Donne con un indice di massa corporea di piu´ di 30kg/m2 hanno un rischio molto piú elevato di sviluppare metastasi e di morte. In uno studio prospettico, con pazienti con tumore al seno che hanno ricevuto una terapia adiuvante standard, una restrizione delle calorie e una dieta povera di grassi ha significativamente migliorato i risultati.

Tumore al seno e stato d´animo: Forti fattori di rischio per il cancro al seno sono la depressione, un´attitudine pessimistica e lo stress. L´attivitá fisica influenza positivamente sia lo stress che la depressione. Un´attitudine positiva si è mostrata avere una grande influenza sulla riduzione dello stress, la salute, la mortalitá, la percezione della malattia e la rapiditá con cui ci si riprende dopo la stessa.

LIBRE study: Per donne con un tumore al seno o alle ovaie ereditario non ci sono al momento studi che investighino lo stile di vita e i suoi effetti. Questa fondazione supporta, insieme alla Deutsche Krebshilfe, uno studio prospettico che vuole mostrare come interventi strutturali nello stile di vita e una dieta controllata siano in grado di migliorare il nutrimento, il peso, la qualitá della vita e lo stress in queste persone. Infine vuole mostrare che questi cambiamenti nello stile di vita possono anche ridurre l´incidenza del cancro, dare una prognosi migliore e diminuire la mortalitá. Lo studio si divide in due fasi, dove la prima è consistita nel mostrare la fattibilitá degli interventi. Tutte le richieste di LIBRE 1 sono stato completate e quindi LIBRE 2 puó partire con 600 pazienti in totale, con carcinoma ovarico o tumore al seno genetici e appartenenti a uno dei centri della Deutsche Krebshilfe.

Recidiva

La recidiva di una malattia è quando essa riappare anche dopo una terapia avvenuta con successo.

Studio osservazionale

I Dati vengono presi prospettivamente e retrospettivamente senza che vi sia un intervento da parte dei ricercatori(come puó essere ad esempio una terapia).

Pro-Neurotensin

Frammento stabile delll´´oromone peptidio Neurotensina. Alti livelli di pro Neurotensin sono associati a un alto rischio di sviluppare un tumore al seno.

Neurotensina

Ormone Peptidico per il processo di grasso, che supporta la proliferazione cellulale.

 

 

Pro-Enkephalin

Stabile frammento dell´ormone peptidio encefalina. Bassi valori sono associati ad un alto rischio di sviluppare un tumore al seno.

 

 

Encefalina

Oppiodi endogeni per ridurre il dolore e ormone con forza proapoptotica, che supporta la morte controllata delle cellule.

 

 

Studio di Intervento

Studio spermientale dove sono pianificati degli interventi (per esempio cambi nello stile di vita o differenti trattamenti del paziente.

 

 

Biomarcatori

Paramentro sul quale possono essere basate previsioni, prognosi o diagnosi, che dá informazioni su una patologia.

 

 

BRCA1 BRCA2

Geni oncospressori. Mutazioni in questi geni causano un sistema infecficace di riparazione del DNA. Questo porta a cambiamenti poiu facili nelle cellule che possno quindi piú facilmente trasformarsi inc elullare tumorali. Mutazioni in questi geni sono associati con un alto rischo di sviluppare un tumore maligno.